Pirati

Un po’ di tempo fa un ragazzo comprò per sè da un pirata del software illecitamente duplicato. Il pirata, che faceva questo lavoro su vasta scala, gli inviò i prodotti richiesti a mezzo corriere, così, quando lo pinzarono, fu facile risalire ai suoi clienti. Quindi anche al ragazzo di prima: la sua casa fu perquisita, il suo computer sequestrato e lui denunciato. Ci vollero anni, ma alla fine la Procura si convinse che l’uso personale non era reato, il computer venne restituito, il procedimento archiviato e gli atti mandati all’autorità competente per la sanzione amministrativa. Venne emessa una multa di cinquemila euro, perchè l’amministrazione ritenne che ogni singolo supporto (floppy o cd) dovesse scontare una sanzione autonoma. La legge sulle sanzioni amministrative dice però una cosa molto diversa, e lo facciamo presente. Passano altri anni, l’amministrazione risponde che sbagliamo, la multa passa a sedicimila euro. Ricorriamo al Tribunale, che sospende la sanzione e fissa udienza per parlarne a dicembre. Ci sono sempre dei giudici a Berlino.

Leave a Reply

%d bloggers like this: