2010 Odissea due.

Ci sono ricascato: ieri sono di nuovo dovuto andare a Brescia, ed ho ripreso il treno. Mi piaceva l’idea di leggere e sonnecchiare e lavorare col portatile e mandare mail con il BlackBerry e non bruciare benzina. Insomma le solite cose per cui il treno è meglio. Sarebbe meglio. Constato infatti che è impossibile arrivare da Genova a Milano in orario, e che il ritardo è impossibile sia inferiore a quindici minuti. I treni per Venezia, invece, nascendo tutti a Milano, partono che spaccano il secondo (quanto all’arrivo…chissà). Conseguenza ne sia che è inevitabile perdere la coincidenza. Ed alla centralona di farla aspettare non ne vogliono neppure sentir parlare. Neppure un minuto, che poi sarebbe quello necessario. Si, perchè il treno arriva in ritardo da Genova, ma appena lo stretto necessario per consentirti (sarà una sorta di premio di consolazione) di vedere la tua coincidenza che ti chiude le porte in faccia e se ne va. Successo a me personalmente tre volte su tre. La sfiga prospera tra Genova e Milano, perchè al ritorno, partendo da Brescia, le cose vanno in genere meglio. Prendo la mia coincidenza e a bordo mi informano che faranno fermate straordinarie a causa della soppressione di un altro treno, ma di stare tranquilli, perchè la coincidenza per il levante e la Toscana è garantita a Genova Principe. Mentre discutevo con l’ufficio immigrazione di Brescia mi sono perso qualcosa?

Comments 3

Leave a Reply

%d bloggers like this: