Il conto della serva

Nella mia bella città qualcuno insinua e continua ad insinuare che il piano dei posteggi sia stato introdotto allo scopo di ricavare quanto necessario a colmare la voragine dei conti della azienda di trasporto locale. Parlando di ciò non posso essere così scorretto da omettere che, almeno per quanto mi riguarda, non ho la benchè minima prova che ciò sia vero, ed infatti parlo di insinuazioni. Ieri però osservavo come in altre città parcheggiare costi molto meno che qui. Immagino che il costo orario del posteggio venga individuato avendo presente i costi della gestione e la necessità di un più o meno grande margine. Ammettendo che i costi di gestione siano più o meno gli stessi ovunque, ciò vuol dire che nella mia città il costo dei posteggi sia determinato dalla presenza di un margine maggiore rispetto che altrove. In effetti viene voglia di chiedersi a cosa servano questi soldi in più.

Comments 1

  • In una città come Zena, arrampicata sulle alture e stretta sul mare costruire parcheggi credo costi di più, senza considerare che anche le nostre strade, per la maggioranza strette e tortuose, ci rendono difficile avere a disposizione un numero di parcheggi decente…ergo i prezzi dei parcheggi salgono 🙁

Leave a Reply

%d bloggers like this: