Ma come fanno gli avvocati

Con le loro facce stanche a non mandare a fan cul* per direttissima i clienti che, in corso di giudizio di separazione e mostrando nei loro confronti una fiducia cieca ed illimitata, gli inviano mail di questo tipo:

Se ti può servire….  (AGI) – Roma, 10 ott. – Ogni coniuge ha “il diritto di ottenere la separazione e interrompere la convivenza” quando questa, “per fatti obiettivi” e “non dipendenti da ‘colpa’ dell’altro coniuge o propria” sia per lui diventata “intollerabile” proprio per il venir meno del sentimento alla base del matrimonio. Lo sottolinea la Cassazione confermando una sentenza della Corte d’appello di Torino con la quale era stata definita la separazione di una coppia, nonostante l’opposizione del marito. Per gli ermellini’ della prima sezione civile (sentenza n.21099): “in una visione evolutiva del rapporto coniugale ritenuto, nello stadio attuale della societa’, incoercibile e collegato al perdurante consenso di ciascun coniuge, il giudice, per pronunciare la separazione, deve verificare, in base ai fatti obiettivi emersi, l’esistenza, anche in un solo coniuge, di una condizione di disaffezione al matrimonio tale da rendere incompatibile, allo stato, pur a prescindere da elementi di addebitabilita’ a carico dell’altro, la convivenza”.

Semplice: concentrano il loro disappunto sulla accozzaglia di ovvietà risapute che la stampa ha venduto come novità mirabolanti allo sprovveduto cliente, che quindi fa più pena che rabbia. In effetti non mi risulta che se un coniuge chieda la separazione l’altro possa riuscire in qualche modo a non fargliela ottenere. E che il requisito siano i fatti tali da rendere impossibile la prosecuzione della convivenza lo dice proprio il codice.

Comments 1

  • Il titolo di questo post mi piace molto, molto frequentemente mi è capitato di chiedermi: ” ma come fanno gli avvocati “?

    Il mestiere di avvocato lo ritengo uno dei più difficili, anni di studio, praticantanto, esame di stato e quanto ne va dietro, io voglio fare l’avvocato, sono tenace, determinata e battagliera, ma non è questo il punto. Il punto è come fate Voi avvocati a sopportare clienti della serie, “si tu sei il mio legale, ma come devi fare te lo dico io!”.

    Il mio avvocato iniziò da subito a classificare i clienti, e inizialmente non capivo il motivo, poi spinta dalla curiosità chiesi: ” come mai li classifichi? sai Giulia, molti clienti sono un pò particolari! ancor più incuriosita, domandai e io che cliente sono?, mi rispose la cliente ideale, quella che non telefona cento volte al giorno, ripetendoti il caso fino alla nausea, non hai mai scavalcato la mia linea difensiva, e soprattutto ti sei adattata senza ostacolarmi”! Un’immensa soddisfazione per me perchè vedevo che la sua linea mi piaceva e che potevo seguire il tutto, mi piaceva osservare e catturare tutte le tecniche e strategie difensive ( lecite )… Non ho mai rotto l’anima al mio difensore dando idee geniali e magari poi non lo erano, non ho mai telefonato, non ho mai mandato mail con esiti di casi simili al mio… ho lasciato lavorare, mi appare la cosa più corretta.

    Insomma ora posso immaginare quanti mal di testa abbiate certe volte…

    Caramente ti saluto, e buon lavoro!

    Giulia

Leave a Reply

%d bloggers like this: