Guardare ai risultati

Leggo sul giornale di un ragazzino di tredici anni che aveva problemi, e per questo era seguito da una assistente sociale di trent’anni, la quale – assisti oggi, assisti domani – alla fine se lo è portato a letto, e per questo, appena scoperta dai genitori del ragazzino, è stata arrestata. Il fatto è che leggo che i genitori non sono stati insospettiti dal fatto che il loro figliolo appariva turbato, taciturno o in difficoltà, ma anzi al contrario dal fatto che improvvisamente aveva iniziato a vedere positivamente la vita, a studiare con entusiasmo, a  non fare più storie quando doveva spegnere il computer  o la tv, insomma a non essere più (o a essere meno) il soggetto problematico che era.

Leave a Reply

%d bloggers like this: