E questo?

Non so se avete mai sentito nominare Antonín Dvořák: grande compositore praghese vissuto nella seconda metà dell’800, una vera gloria nazionale della musica boema: venne chiamato a dirigere l’appena fondato primo conservatorio americano a New York, dove stette circa tre anni. Di questa esperienza americana ci rimane la sua Sinfonia n.9 “dal nuovo mondo”.
Non so se le cose andarono davvero così, ma in quella musica a me piace leggere la gratitudine e la ammirazione dell’uomo della vecchia Europa, per la freschezza e il vigore, per la promessa di un mondo nuovo.

Comments 1

Leave a Reply

%d bloggers like this: