Meglio tardi che mai

Una delle (tante) cause del malfunzionamento della giustizia sta nella sua assoluta arretratezza, nella sua impermeabilità all’innovazione che fa si che tecnologie ormai consolidate inizino a fare capolino negli uffici giudiziari solo quando ormai sono irrimediabilmente superate.

Per tantissimo tempo (quando noi giravamo con un floppy in tasca) negli uffici giudiziari non esisteva se non la carta, e quando hanno iniziato a usare i floppy noi usavamo già (anche per questioni di capienza) i CD. Oggi non sanno cosa possa essere un DVD (penso lo scopriranno quando il blue ray sarà usato anche per i dati), ma usano i CD, mentre il resto del mondo ormai usa le memorie flash. Di passare i dati via rete se ne parlerà quando comunicheremo col pensiero.

Tutto ciò trova la sua ragione prima nella diffidenza, che però è sorella dell’ignoranza. Insomma negli uffici giudiziari non hanno la più pallida idea di come funzionino i dispositivi attuali, e quindi vedono in essi chissà quali minacce. Le copie degli atti scannerizzate si possono ottenere solo su CD, di metterle su pendrive non se ne parla neppure, perchè il pendrive potrebbe contenere un virus, o Dio solo sa cosa altro: non riuscendo a vedere la minaccia, se la immaginano terribile.

Questo modo di vedere le cose ha a volte conseguenza davvero bizzarre: oggi devo mandare una istanza a un Tribunale lontano. Ovviamente vogliono un fax, ma il fax non funziona. Benissimo dico, ve lo mando per posta elettronica. No, mi dicono, ci vuole il fax (notare che prima, quando esisteva solo il fax, dicevano che non andava bene e ci voleva l’originale di carta) perchè è più sicura la sua autenticità (!!!).

Nessun problema dico, ve la mando firmata con firma digitale per mezzo di una casella di posta certificata, più sicuro di così…

Panico! Deve essere per forza un fax. Capisco che il vero problema è che non hanno la benchè minima idea di come gestire la posta certificata (che non hanno) e la firma digitale (che nemmeno capiscono cosa sia).

Comments 1

Leave a Reply

%d bloggers like this: