Adesso spiegatemi bene

Per un pezzo si era detto che diventava obbligatorio il POS per i professionisti: sebbene leggendo la norma paresse che non fosse proprio così, tutti giù a dire che invece era obbligatorio e che era un altro regalo a quei zozzoni delle banche ed io sono andato a chiedere alla mia banca come averlo e loro mi han detto che me lo davano e lo sto aspettando ancora adesso, quando alla fine, con un grazioso scambio di lettere tra il Consiglio Nazionale Forense e il Ministro della Giustizia, si conviene che no, non era obbligatorio proprio per nulla. Insomma hanno scherzato.

E poi il processo civile telematico, che c’è pure il conto alla rovescia sul sito dell’Ordine degli Avvocati, che al momento in cui scrivo segna meno quattordici giorni e sette ore ventotto minuti e una manciata di secondi: niente panico, vale solo per i processi nuovi e comunque non per gli atti introduttivi ma solo quelli “endoprocessuali” chiarendo che la comparsa di costituzione e risposta NON è endoprocessuale. Solo i decreti ingiuntivi saranno tutti telematici, che si possono fare così da un sacco di tempo.  Traduzione: anche per il processo telematico stavano scherzando. Ed io giù a studiare e comprare firme digitali e lettori di smartcard.

Adesso manca solo che mi dicano che anche la fattura telematica alla pubblica amministrazione era uno scherzo. Cioè lo so già che è uno scherzo. Prima portavo la fattura di carta al Tribunale che la mandava (bontà sua) in pagamento. Adesso mando la fattura telematica al centro di raccolta, che la manda al Tribunale, che la stampa e (bontà sua) la manda in pagamento.

Vedete, il POS era una spesa probabilmente inutile, il PCT una cosa applicata oggi con regole pensate tredici anni fa (che in campo tecnologico è una era geologica) e la fattura PA una somma scocciatura. Ma erano cose che avevano delle potenzialità e farmi credere in una innovazione per poi dirmi che era una burla è una doppia burla.

Leave a Reply

%d bloggers like this: