Corretto politicamente ma non grammaticalmente

Ho appuntato qui la storia della multa di Francesco: il comune che spara multe senza leggere bene le targhe mi ha mandato l’atto con cui archivia la procedura. In esso si legge che la targa non è stata correttamente rilevata perchè era “di origini francesi”. A parte che la Francia non è sulla Luna e le targhe d’oltralpe dovrebbero essere abbastanza conosciute, avete letto bene: “di origini francesi”. La targa non era “francese” era “di origini francesi”. Cioè, come fa una targa a essere di origini, forse era francese suo padre e lei vive in germania? Il fatto è che l’origine del tòpos è purtroppo chiara: parlando di un tunisino, dire che è tunisino, a quanto pare, oggi pare brutto, ed ecco che si dice che “è di origini tunisine”. Il delirio del politicamente corretto ha a tal punto coinvolto quelle misere menti che si applica a qualunque attributo concernente la nazionalità, per non parere xenofobi, anche relativo a cose diverse dalle persone, come targhe e, che so, formaggi, città (dove sei stato? A Parigi. Ah, e dov’è? E’ una citta di origini francesi). Il politicamente corretto gli ha bollito il cervello.

Comments 1

  • e il presunto imputato? io credo di averlo già sentito… quando si tratta di personaggi di elevata importanza

Leave a Reply

%d bloggers like this: